Lavori pubblici

A Vercelli si aprono i cantieri

Sarà possibile visitare i cantieri dei lavori di riqualificazione dell'area ex Ospedale Sant'Andrea, un progetto che mira a rilanciare una zona importante per la città

I cittadini potranno visitare i cantieri dei lavori
I cittadini potranno visitare i cantieri dei lavori ()

VERCELLI - Constatare di persona a che punto sono realmente i lavori all'ex Ospedale Sant'Andrea. È questo l'obiettivo di Cantieri Aperti, un'iniziativa inserita nel programma di riqualificazione dell'importante area vercellese. Proprio su questa zona il Comune di Vercelli è impegnato nel Pisu - Programma Integrato di Sviluppo Urbano, con l'intento di ottenerne il recupero urbano, funzionale e ambientale. Gli interventi previsti riguardano soprattutto il recupero dallo stato di abbandono degli edifici storici e dell'area usata, fino a pochi mesi fa, come parcheggio. Completano il progetto la collocazione di servizi per i cittadini e per i fruitori della città, il miglioramento della sicurezza urbana e l'insediamento di nuove attività economiche. Un ulteriore obiettivo del programma è realizzare spazi per ospitare attività creative che permettano di rafforzare identità, visibilità e attrattività del centro cittadino.

INVITO - Tramite Cantieri Aperti l'amministrazione comunale invita i cittadini a visitare i cantieri dell'area. Le viste, della durata di circa un'ora, si svolgeranno venerdì 5 (dalle 14 alle 17) e sabato 6 (dalle 9 alle 11) giugno. Il ritrovo sarà in via Viotti all'entrata dei cantieri, di fianco al parcheggio. Per esigenze organizzative e di sicurezza si potrà partecipare alla visita solo iscrivendosi preventivamente sul sito www.pisuvercelli.it (in alternativa si può telefonare al 327.2807458 dalle 10 alle 13). «Siamo consapevoli di aver chiesto parecchi sacrifici ai vercellesi, soprattutto per quanto riguarda i parcheggi - ha dichiarato il sindaco Maura Forte -. Era però necessario procedere per non perdere i finanziamenti che permetteranno di riqualificare un'area al fine di renderla adatta al nostro ruolo di capoluogo e di creare attrazione a beneficio delle attività commerciali. Ora, nell'ottica della partecipazione e della trasparenza, desideriamo che i concittadini possano vedere i progressi che sono stati fatti e cominciare a intravvedere il risultato».

STORIA - Ciò che rimane dell'Ospedale Sant'Andrea faceva parte di un complesso di edifici realizzati a partire dal XIII secolo in prossimità delle mura della città. L'impianto complessivo originario, malgrado le numerose trasformazioni e demolizioni, è tuttora riconoscibile e riconducibile alla matrice di Ospizio dei Poveri e Ospedale. Funzione che ha conservato fino alla fine degli anni Cinquanta del secolo scorso.