Cronaca

Incendio in largo Chatillon: un arresto

Un residente nel palazzo Atc andato in fiamme martedì è finito nel carcere di Billiemme per aver ostacolato le operazioni dei Vigili del fuoco e per minaccia e resistenza a pubblico ufficiale

Arresto da parte dei carabinieri (immagine di repertorio)
Arresto da parte dei carabinieri (immagine di repertorio) ()

VERCELLI – Un residente nel palazzo Atc dove martedì sera è divampato un incendio è stato arrestato dai carabinieri perché ostacolava le operazioni di spegnimento dei Vigili del fuoco. Si tratta di F.A. 38 anni con precedenti penali per reati contro il patrimonio e la persona.

I pompieri hanno dovuto richiedere l'intervento dei militari intorno alle 20,30, quando mentre si stava sgombrando l'edifico, il 38enne si è recato nello scantinato, da dove è nato il rogo, con la pretesa di ricollegare la corrente elettrica. Anche dopo l'arrivo degli uomini dell'Arma l'uomo ha continuato a essere aggressivo, minacciando gli agenti per poi scagliarsi contro di loro. Dopo una breve colluttazione è stato arrestato con le accuse di minaccia e resistenza a pubblico ufficiale e di interruzione di pubblico servizio aggravata e tradotto nel carcere di Billiemme.