Cronaca

Sequestrati 600mila euro a impresa vercellese di pallet

Gli agenti della Gdf hanno eseguito l'ordinanza della Procura di Vercelli che ha scoperto l’esistenza di un’articolata «frode carosello». Dal 2001 ha comprato piattaforme di legno per imballaggio per quasi 3 milioni di euro dall'estero attraverso imprese italiane «fittiziamente interposte», operanti nelle province di Verona e Padova

Gdf
Gdf ()

VERCELLI – La Guardia di finanza di Vercelli ha sequestrato 600mila euro dai conti riconducibili ad un'azienda vercellese attiva nel settore dei pallet.

Gli agenti della Gdf hanno eseguito l'ordinanza della Procura di Vercelli al termine dell’indagine «Free Pallets», che ha consentito di scoprire l’esistenza di un’articolata «frode carosello» perpetrata dall'impresa, che dal 2001 ha comprato piattaforme di legno per imballaggio per quasi 3 milioni di euro dall'estero attraverso imprese italiane «fittiziamente interposte», operanti nelle province di Verona e Padova.

In pratica l'azienda vercellese ha evaso l'Iva, detraendola, nonostante il venditore compiacente non l'abbia mai versata. In particolare i titolari delle aziende venete, nullatenenti, acquistavano merce dall'estero e la rivendevano a prezzi stracciati, non versando l'imposta sul valore aggiunto.

I baschi verdi hanno dimostrato che la società vercellese fosse a conoscenza che i fornitori fornivano fatture false e che lucrasse grazie ai bassi prezzi di acquisto della merce. Secondo gli inquirenti grazie a questo stratagemma c'è stato un profitto illecito derivante dall’evasione dell’Iva complessivamente pari a 575mila 931 euro.