16 agosto 2017
Aggiornato 14:30
Progetto «Una scelta in Comune»

Donazione organi, il «sì» sulla carta di identità spiegato agli studenti dell'ITIS di Santhià

Grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale, docenti dell’Itis e soprattutto grazie alla disponibilità del dottor Raffaele Potenza, medico coordinatore presso il Coordinamento Regionale delle Donazioni e dei Prelievi di Organi e Tessuti.

SANTHIÀ – Dall’autunno scorso Santhià aderisce al progetto «Una Scelta in Comune» realizzato in collaborazione con il Coordinamento Regionale delle Donazioni e dei Prelievi di Organi e Tessuti, al fine di consentire ai cittadini maggiorenni di esprime la propria volontà in merito alla donazione di organi anche sulla carta di identità.

Venerdì 19 febbraio il progetto, e l’importanza di donare, saranno spiegati agli studenti dell’Itis di Santhià, grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale, docenti dell’Itis e soprattutto grazie alla disponibilità del dottor Raffaele Potenza, medico coordinatore presso il Coordinamento Regionale delle Donazioni e dei Prelievi di Organi e Tessuti.

«Siamo stati uno dei primi comuni in Piemonte ad aderire al progetto 'Una Scelta in Comune' – osserva il sindaco Angelo Cappuccio – che riteniamo di grande valore civile e umano. Il progetto ha richiesto un lavoro di tipo informatico oltre che la formazione del nostro personale. Ringrazio il dottor Potenza e anche gli Uffici comunali e in particolare con la responsabile degli Uffici Demografici, Felicina Comoglio, per la sensibilità e disponibilità».

L'Ufficio Anagrafe di Santhià ad oggi (dal 14 settembre 2015, data di attivazione del servizio) ha registrato 92 dichiarazioni di volontà su 471 carte identità emesse a soggetti maggiorenni (19,53%).

La modalità di segnalazione tramite l’Ufficio Anagrafe, in occasione del rilascio o del rinnovo della carta di identità, si aggiunge alle altre possibilità già disponibili presso l’ASL o le associazioni dedicate e offre ai cittadini maggiorenni una possibilità in più, ma soprattutto apre un nuovo punto di informazione e di sensibilizzazione sul tema della donazione degli organi.

«Questa opportunità verrà spiegata venerdì anche nelle scuole superiori – aggiunge il consigliere Simonetta Todi con delega alla Comunicazione e all’Istruzione – in particolare ai ragazzi delle classi quarte e quinte. Si comincerà alle 8 del mattino e sono previsti due cicli di incontri consecutivi. Un grazie di cuore anche ai docenti dell’Itis che hanno accolto la possibilità di spiegare il progetto ‘Una Scelta in Comune’».

L’espressione di volontà del cittadino, comunicata all’Ufficio anagrafe, sarà inserita nel Sistema Informativo Trapianti, il database del Ministero della Salute che permette ai medici che lavorano nel Coordinamento di consultare in caso di possibile donazione, la dichiarazione di volontà dell’individuo.

Ovviamente la scelta può essere modificata in qualunque momento recandosi agli sportelli dell’ASL, visto che risulta valida l’ultima espressione rilasciata in ordine temporale.