Calcio e sicurezza

Pro Vercelli-Novara, guai tra tifosi per colpa degli... svizzeri

Un gruppo di albanesi e turchi ha cercato lo scontro con i sostenitori dei padroni di casa. Provvidenziale intervento della polizia. Tutti rispediti in patria, riceveranno un Daspo internazionale

Dopo 15 anni il derby torna a Vercelli
Dopo 15 anni il derby torna a Vercelli (Pro Vercelli)

VERCELLI - In occasione del derby Pro Vercelli – Novara, per il quale sono stati predisposti servizi di ordine e sicurezza pubblica più articolati rispetto alle partite ordinarie di campionato, si segnala la buona riuscita del dispositivo di ordine e sicurezza pubblica in occasione dell’arrivo e del deflusso dei tifosi delle due squadre di calcio, e alla gestione dell’evento sportivo. In particolare, la tifoseria organizzata del Novara (nell’ordine di circa 300 unità) è giunta allo scalo ferroviario di Vercelli, contenuta e regolarmente scortata a bordo di 4 bus. I restanti tifosi sono qui giunti con i mezzi propri. Rispetto agli anni passati si è deciso, di alzare unicamente le barriere mobili della curva locali.

I problemi...
Si rappresenta altresì, che poco prima della gara, un gruppo di circa trenta tifosi svizzeri, giunti a Vercelli in forma autonoma per assistere al derby, muniti di regolare tagliando, provenienti da Zurigo, e non legati alla tifoseria organizzata del Novara Calcio, ha creato dei momenti di tensione tra via XX Settembre e la zona «cuscinetto» di Piazza Camana. Dopo essersi, infatti, trattenuti per qualche minuto all’interno di un bar di via XX Settembre, intorno alle ore 17, hanno tentato il contatto con la tifoseria bicciolana, in fase di afflusso al settore locale; solo l’immediato intervento delle forze dell'ordine, dislocate nell’area, ha evitato che la situazione degenerasse. I tifosi svizzeri (in parte di origine albanese, turca ed italiana) sono stati tutti fermati ed identificati. Due di questi, classe 87 e classe 95, sono stati indagati per resistenza e lesioni. Al termine delle operazioni di identificazione, gli stessi sono stati fatti immediatamente ripartire, scortati, in direzione della Svizzera, perché soggetti indesiderati e pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica, senza che venisse loro consentito di assistere all’incontro di calcio. Sul punto saranno interessate le autorità elvetiche ed è in fase di valutazione l’adozione dei provvedimenti che si renderanno necessari (Daspo internazionale). Si segnala che la tifoseria del Novara Calcio non ha alcun rapporto di gemellaggio con la tifoseria dello Zurigo.