Giovani e istituzioni

Vercelli, prima riunione del consiglio comunale dei ragazzi

Un'iniziativa che coinvolge le scuole secondarie cittadine. Obiettivo sensibilizzare le nuove generazioni alla partecipazione politica

BIELLA - Si terrà venerdì 7 aprile alle 14.30, nella sala consiliare del primo piano di Palazzo Civico, la prima riunione del «Consiglio Comunale dei Ragazzi» di Vercelli. L’iniziativa coinvolge le scuole secondarie cittadine di primo grado con lo scopo di sensibilizzare i giovani alla cittadinanza attiva.

Teoria e pratica sulla politica amministrativa
Il progetto prevede sia momenti teorici, sia di vera e propria pratica politico amministrativa. A una prima fase in aula, in corso in questo periodo, durante la quale gli studenti potranno assumere le prime informazioni sul funzionamento di base di un comune e sui compiti degli amministratori pubblici, ne seguirà una seconda con le elezioni all’interno del gruppo della classe di un rappresentante che svolgerà la funzione di portavoce all’interno del consiglio comunale dei ragazzi, insieme ai rappresentanti di tutte le altre classi. In un successivo momento gli studenti analizzeranno i bisogni della propria comunità, proponendo alcuni progetti di miglioramento della città, con particolare riferimento alla loro fascia d’età. Le proposte saranno presentate dai rappresentanti eletti nel corso di vere e proprie sedute, che avranno luogo presso la sala del Consiglio Comunale alla presenza dell’assessore all’Istruzione e un progetto selezionato sarà discusso con l’intervento del Sindaco.

Motivare alla partecipazione
L’iniziativa è organizzata in collaborazione con l’Associazione «Itaca» che dal 2004 si occupa di progetti volti a promuovere una didattica che permette ai ragazzi di confrontarsi e di gestire la conflittualità nella ricerca di soluzioni che soddisfino non solo le esigenze dei singoli, ma anche della collettività. «Il primo appuntamento è previsto per venerdì 7 aprile a partire dalle ore 14,30 – spiega Gabriele Cortella, presidente di Itaca – quando si insedieranno i rappresentanti dei ragazzi per dare vita al vero e proprio Consiglio Comunale». «I ragazzi scelgono i propri rappresentanti tramite elezioni – sottolinea Andrea Raineri assessore all’Istruzione –e questo fa sì che si ricreino i meccanismi che li vedranno protagonisti da adulti. Non viene solo descritta la partecipazione alla vita politica, ma viene vissuta in prima persona e l’esperienza concreta permette di trovare oggi la giusta motivazione per partecipare domani».