28 luglio 2017
Aggiornato 21:00
Cronaca

Uccise l'amico, Alex Rizzi condannato a 16 anni di carcere

Il giovane vercellese è in carcere a Biella. Nel giugno scorso ferì mortalmente l'amico Daniel Napolitano. Oggi la sentenza

VERCELLI - E' di 16 anni la pena decisa dal tribunale cittadino per Alessandro Rizzi, che uccide l'amico Daniel Napolitano, la notte del 6 luglio scorso, in un palazzo del rione Concordia, per futili motivi. Il giudice Fabrizio Filice oggi ha stabilito un anno in più di pena rispetto a quanto chiesto dal sostituto procuratore, Francesco Alvino.

La sentenza
Il giovane (24 anni) attualmente si trova in carcere a Biella. Alla sentenza si è arrivati attraverso il rito abbreviato, che consentito all'omicida una riduzione di pena. Rizzi è stato difeso dagli avvocati Alessandro e Roberto Scheda. Al momento della lettura della sentenza, in aula, erano presenti pure i genitori e il fratello della vittima, che a suo tempo si erano costituiti parte civile (rappresentati dall'avvocato Rodolfo Viazzo). 

La tragedia
La lite tra i due, avvenuta la scorsa estate, era nata per una sigaretta negata. Rizzi ha sempre ammesso le proprie responsabilità nella tragedia (e in quella sera maledetta aveva anche allertato i medici del servizio sanitario del "118").